clicca

Cosa sono i pavimenti in laminato?

Cosa sono i pavimenti in laminato
Il laminato è ottenuto dalla composizione a strati tramite pressofusione di materiali diversi tra loro; si tratta, di solito, di fibra di legno ad alta densità in aggiunta a materiale plastico stratificato.
La parte più esterna è composta da un film protettivo che ne garantisce la resistenza; lo strato sottostante è un foglio decorativo che imita l’aspetto del legno. I pannelli sottostanti, costituiscono il corpo vero e proprio del pannello laminato mentre lo strato più basso serve a mantenere la stabilità dell’intero pannello.

Nato con il preciso scopo di imitare il legno in tutto e per tutto, i pavimenti in laminato rappresentano, di fatto, la versione economica del parquet.
Nonostante sia formato da materiali meno pregiati, infatti, il laminato rappresenta un ottimo compromesso ed una soluzione ideale per coloro che non vogliono spendere cifre esorbitanti ma desiderano dare ai propri ambienti la calda ed elegante atmosfera garantita dai pavimenti in legno.

Uno dei grossi vantaggi del pavimento in laminato, infine, riguarda manutenzione e resistenza; a differenza del legno naturale, infatti, il multistrato risulta essere molto più resistente all’usura e necessita di molti meno accorgimenti. Se, infatti i pavimenti in vero legno tendono ad essere fragili e delicati, quelli in finto parquet rappresentano una soluzione indubbiamente più pratica.

Dal punto di vista estetico, infine, grazie alle nuove tecnologie, i pavimenti in laminato di alta qualità sono praticamente identici a quelli in legno naturale, tanto da renderne quasi impossibile il riconoscimento.
La posa, infine, risulta essere estremamente veloce e pratica, non rendendo necessaria la rimozione del pavimento sottostante.

E’ comunque sempre opportuno, sia in fase di scelta che di messa a dimora, affidarsi a personale qualificato che potrà fornire una consulenza a tutto tondo.
Scegliere il giusto materiale infatti, è un’operazione che richiede un occhio esperto.
La posa, infine, deve essere fatta a regola d’arte al fine di garantirne tutte le caratteristiche che permetteranno al pavimento di durare a lungo nel tempo senza perdere le sue peculiarità e senza rovinarsi. Un parquettista esperto, infine, sarà in grado di consigliare il cliente anche per quanto riguarda la manutenzione ed i materiali.

La differenza tra parquet e finto parquet

differenza tra parquet e finto parquet
Scegliere quale tipo di pavimentazione utilizzare per la nostra casa potrebbe non essere una cosa semplice; le soluzioni più quotate in questo ambito sono, comunque, il parquet classico oppure il laminato (o finto parquet). Cerchiamo quindi di capire quali sono le differenze.

- Parquet: si tratta di un pavimento interamente costruito in legno, massello o multistrato. Questa soluzioni risulta indubbiamente molto elegante e in grado di rendere gli ambienti estremamente accoglienti. Il mercato, in fatto di parquet, offre numerosissime soluzioni diverse sia per quanto riguarda i materiali che per quello che concerne la messa in posa.
Qualunque sia il parquet scelto, comunque, il legno garantirà agli ambienti atmosfere molto calde e accoglienti ma anche eleganti e sempre di moda. A seconda dei materiali scelti, del tipo di posa e delle geometrie, il pavimento in parquet può avere costi diversi e risultati estetici estremamente vari.
Generalmente, comunque, il pavimento in legno si adatta perfettamente ad ogni stile di arredamento, dai più rustici agli iper moderni.

- Finto parquet: questo tipo di pavimentazione rappresenta, fuori da ogni dubbio, una soluzione estremamente comoda ed economica. Il finto parquet è, generalmente, costituito da fibre di legno o sintetiche. Il risultato finale è una perfetta imitazione del legno naturale, senza però gli svantaggi e la delicatezza di vero pavimento in legno. L’effetto estremamente realistico di questo tipo di pavimentazione è dato dalla superficie formata da uno strato fotografico ad alta definizione che ne simula la naturalezza alla perfezione.

Il finto di parquet è nato negli anni ’90 e, nel corso degli anni le nuove tecnologie lo hanno reso sempre più realistico ed esteticamente bello da vedere.
Nonostante sia primo dei requisiti per essere considerato parquet vero e proprio, questa soluzione a livello visivo è praticamente indistinguibile dall’originale.

Nonostante si tratti di due soluzioni simili dal punto di vista dell’estetica, questi due pavimenti la più grande differenza è da ricercare nell’aspetto economico. Il vero parquet, infatti, ha generalmente costi piuttosto elevati rispetto al laminato; anche la messa in opera è completamente diversa, il laminato, infatti è più semplice da posizionare e può contare su una manutenzione meno specifica.

In fatto di resistenza il laminato è consigliabile per tutti quegli ambienti maggiormente sottoposti ad usura; il parquet in vero legno, infatti, è generalmente più sottoposto ad usura e più delicato ed è quindi indicato per ambienti tranquilli e meno sottoposti ad eventuali danni.

La manutenzione, infine, è praticamente inesistente per quanto riguarda i pavimenti in laminato. In questo tipo di pavimentazione, infatti, sia per la pulizia che per la manutenzione generale, sarà sufficiente trattarlo come un normale pavimento in piastrelle.

Quanto costa mettere il parquet sopra il pavimento
Posizionare il parquet sopra un pavimento già esistente può, senza dubbio rappresentare una buona soluzione per vari motivi diversi. Il primo vantaggio è rappresentato dal fatto che una simile scelta non prevede lavori di muratura eccessivi e il vecchio pavimento non deve essere rimosso; questo aspetto rende, senza dubbio, il lavoro notevolmente più economico e veloce da realizzare.
Il prezzo della posa di un pavimento in parquet sopra un pavimento già esistente varia, comunque, a seconda delle soluzioni scelte e dei materiali utilizzati.

Esistono tre diversi tipi di posa: a fresco, a secco e su sabbia. La posa a fresco viene fatta utilizzando collanti o addirittura listelli autoadesivi. Questa tecnica è senza dubbio estremamente comoda e semplice da applicare ed ha un costo medio di circa 15 euro/mq. La posa a secco rappresenta sicuramente la soluzione più economica ed è anch’essa estremamente semplice da realizzare; in questo caso, infatti, il parquet è posizionato incastrando tra loro le lamelle di legno, senza quindi l’utilizzo di collanti o viti. In questo caso il prezzo si aggira intorno ai 5-10 euro per mq.
La posa su sabbia, infine, ha l’indiscutibile vantaggio di garantire un maggiore isolamento acustico del pavimento; questa tecnica, tuttavia, prevede costi che possono arrivare anche a 50 euro per mq.

Altro aspetto, che determina il prezzo della posa di un pavimento in parquet, riguarda i materiali utilizzati; dalle lamelle in legno massello ai laminati multistrato, passando per il finto parquet realizzato in PVC, quindi, possiamo trovare prezzi molto diversi tra loro.
La scelta del tipo di pavimento e della tecnica di posa, comunque, deve essere fatta tenendo in stretta considerazione alcuni fattori molto importanti quali le condizioni del pavimento sottostante e i materiali preesistenti, al fine di garantire un lavoro duraturo e fatto a regola d’arte.

posa flottanteIl termine “flottante” abbinato ai pavimenti in legno fa riferimento alla tecnica con la quale vengono posati: la posa flottante, appunto.
La posa flottante è una tecnica di posa che ha come maggior vantaggio la possibilità di riutilizzare le listelle di legno poiché per questo tipo di posa non è previsto l’impiego di colla o di altre sostanze. Ne consegue che i tempi di posa sono brevi e soprattutto è possibile calpestare immediatamente il pavimento senza dover attendere l’asciugatura della colla. La tecnica di posa flottante prevede che le singole tavole di legno vengano incastrate tra loro, tuttavia lo strato del parquet va comunque isolato dalla base del pavimento. L’isolamento del parquet dal resto del pavimento avviene grazie all’utilizzo di specifici materiali che limitano l’affiorare di umidità. Inoltre questi materiali hanno anche la capacità di minimizzare i difetti di posa del pavimento e alcuni posseggono ottime capacità di isolamento acustico in modo da attenuare i rumori del calpestio sulla superficie di legno. Questo sistema di posa deve essere eseguito in maniera perfetta, per evitare che si formino fessure e che il pavimento presenti dei dislivelli. Le tavole di legno che compongono l’intero pavimento devono essere ben incastrate non deve essere lasciato al legno libertà di movimento e la superficie deve apparire ben livellata e omogenea

Questa tecnica di posa prevede difatti che le tavole del parquet non vengano ancorate al sottofondo con colla o chiodi come si faceva in passato: semplicemente basta incastrale l’una con l’altra in successione, con un “click” la stabilità è garantita.
Ecco perché questi pavimenti vengono chiamati anche galleggianti; ed è spiegata anche la loro convenienza rispetto ai  pavimenti in legno tradizionali: i costi di posa e manutenzione sono abbattuti; difatti in caso di sostituzione di una tavola danneggiata, il procedimento sarà facile e veloce, senza compromettere l’intero parquet.

Nei nostri negozi disponiamo di una vasta gamma di parquet prefiniti delle migliori essenze, in vendita a prezzi di stock: vienici a trovare senza impegno per visionare le offerte parquet flottante attive: prefiniti in rovere da euro 18 al mq!

posa parquetTrovare dei pavimenti in legno di ottima qualità e ad un costo accessibile non è più così difficile, soprattutto se si approfitta delle numerose offerte di parquet fine serie o stagionali che molti negozi spesso attivano.
Forse la sfida è invece trovare un buon posatore, perché anche il migliore dei rivestimenti se posato male può dare problemi come lo scostamento delle tavole, rumori da calpestio, poca isolazione termica e via dicendo.
Nei nostri showroom, oltre a personale competente per quanto riguarda la fase di scelta delle essenze, troverete anche posatori professionisti: posare un pavimento in legno, nonostante tra i vantaggi del parquet prefinito molto in voga ci sia la posa in fai da te, rimane ancora una vera e propria arte. Chi è alle prime armi poi non sarà certo in grado di posare le tavole in diagonale, a spina di pesce e altre pose artistiche molto belle da vedere.
Ad ogni modo, per quanto riguarda la posa parquet a Milano, prezzi e tempi possono variare ovviamente dalla situazione; nei nostri negozi applichiamo in linea di massima i 15 euro al mq per quanto riguarda i costi e possiamo posarlo in un giorno, senza farvi perdere ulteriore tempo!
Tra le tendenze parquet del momento, troviamo non solo la valorizzazione delle caratteristiche naturali del legno, come nodi e venature, ma anche la volontà di portare avanti nuove sperimentazioni nel campo delle decorazioni, dei cromatismi e dei disegni di posa.
Le superfici del parquet assumono nuove colorazioni sui toni del rosa e del grigio,  fino ad arrivare al blu, dando possibilità di creare accostamenti di legni e texture diverse per realizzare pavimenti  ispirati al design e al mondo del tessile e di realizzare decorazioni “artistiche” con intarsi ispirati alle pelli degli animali o alle cortecce degli alberi. Si passa dalle tradizionali tecniche di lavorazione superficiale del legno alla realizzazione di decorazioni sempre più astratte.
Anche nel campo della posa si stanno sperimentando nuove tecniche, come il rivestimento senza soluzione di continuità, che dal pavimento risale fin sulle pareti, realizzando disegni di posa parquet in perfetta armonia tra classico e moderno.
Queste nuove tendenze danno risalto al parquet come pavimentazione perfetta per rispondere a tutti i gusti di stile, dagli amanti dello stile classico agli amanti del design e dell’arte, dando spazio a nuove possibilità creative.

Contattateci per qualsiasi informazione.