clicca
Sconto fattura Milano

Parquet a prova di cane

Parquet esterno
Il parquet negli ultimi anni è tornato ad essere il tipo di pavimento preferito nelle nuove costruzioni o ristrutturazioni anche grazie al fatto che rimane tiepido d’inverno e fresco d’estate. Ma per chi ama sia il parquet sia i cani deve trovare il giusto compromesso. Il primo passo è farsi consigliare da un esperto che ci possa indirizzare sul miglior materiale e tipo di parquet da scegliere . I nostri amici pelosi hanno infatti bisogno di un parquet pet-friendly che ci permetta di camuffare i graffi e le ammaccature e che sia resistente e impermeabile in caso di pipì lasciata dagli amati cuccioli.

Se decidiamo di posare un parquet tradizionale bisogna accettare il fatto che non sarà mai antigraffio, per questa ragione sconsigliamo vivamente di scegliere un parquet in legno nobile, come quello in massello.

Infatti, oggigiorno si  possono trovare in circolazione tanti tipi di parquet ottimi e resistenti anche per i nostri amati cani. Ad esempio il parquet spazzolato è utile perché confonde i segni dei graffi e inoltre la vernice opaca aumenta la resistenza del legno ai graffi. Se vogliamo materiali al top dobbiamo puntare al pavimento in legno potenziato è un tipo di parquet rafforzato nella sua struttura e ideato per resistere ai graffi e agli urti. Oppure possiamo utilizzare il wood composite resinoso. Questo tipo di parquet è caratterizzato da un materiale ottenuto dal legno termofuso con la resina, ottimo per resistenza ma anche per il suo aspetto naturale.

Un’alternativa al parquet tradizionale, il parquet a prova di cane:

Un’alternativa valida al parquet tradizionale è quello in vinile: questo tipo di pavimento è antigraffio, anti umidita’ e anti usura, ma si consiglia sempre di sceglierne uno di qualità, ora esiste anche una versione a pannello semirigido posato a secco.

Anche il laminato è un pavimento che può competere con il parquet classico, quello di qualità, offre ottime garanzie, è pratico da pulire, resistente all’acqua e all’usura e soprattutto resta immutato nel tempo.

Un altro aspetto da prendere in considerazione è la finitura, bisogna cercare quelle impermeabili con olio naturale e cere oppure puntare su trattamenti chiamati “oliatura” che possono riparare i graffi o macchie presenti sul pavimento.

Naturalmente se abbiamo un cucciolo dobbiamo stare doppiamente attenti perché l’umidità è un altro problema per chi adora questo tipo di pavimento. In caso di bisogni lasciati sul pavimento dai nostri pelosetti dobbiamo agire tempestivamente asciugando con uno straccio e poi pulire con prodotti delicati. Se vogliamo stare ulteriormente attenti puliamo le zampette del nostro amico a quattro zampe al rientro dalla passeggiata in questo modo avremmo un parquet più pulito.

Quindi se abbiamo deciso di posare un parquet nonostante la presenza dei nostri amati cani cerchiamo allora il prodotto che possa tollerare al meglio le sollecitazioni provocate dai cani, dobbiamo prendere in considerazione costi, caratteristiche tecniche dei materiali e durevolezza nel tempo, un giusto compromesso permetterà di avere un parquet resistente e duraturo per diverso tempo senza dover effettuare una manutenzione frequente con prodotto adatti per il legno.

Parquet per palestre

Parquet esterno

I pavimenti in legno possono essere posati in qualsiasi ambiente,persino nelle palestre dove tra l’altro sono una delle soluzioni più comode e funzionali.
Grazie al parquet infatti, la qualità del gioco migliora, poiché rende il contatto più morbido. Per questa ragione il parquet per palestre viene apprezzato da moltissimi sportivi, perché li aiuta a migliorare le performance.

Prima di procedere con l’installazione del parquet per palestre però, ci sono alcune informazioni da conoscere.

Caratteristiche tecniche del parquet per palestre:

Ti sei mai chiesto come mai il parquet sia presente in moltissime palestre, nonostante sia considerato da tanti, un pavimento piuttosto delicato?
In realtà il parquet, se trattato in maniera adeguata, è un materiale molto resistente.
La resistenza però dipende da che tipo di legno viene usato e soprattutto dai trattamenti che vengono usati su di esso.
Il pavimento di una palestra deve essere in grado di assorbire gli urti.
Un’altra caratteristica importante del parquet per palestre è sicuramente la proprietà termo e acustico isolanti, che permette dunque di attutire i rumori di colpi, che come sappiamo, in palestra possono essere parecchio forti e fastidiosi.
Inoltre è importante che la pavimentazione di una palestra permetta un perfetto rimbalzo della palla, per consentire un buon gioco in sport come la pallavolo o il basket.

Aspetti positivi:

 
Gli aspetti positivi del parquet per palestre sono molti, ne citeremo solo alcuni:

  • necessita di manutenzione semplice e veloce: non ha bisogno di trattamenti speciali;
  • possiede un’enorme resistenza a graffi, che facilmente si producono in un ambiente dove ogni giorno decine di persone camminano, saltano, corrono e ci fanno rimbalzare oggetti;
  • la sua impermeabilità: infatti il parquet per palestre, grazie ad un trattamento speciale, riesce a non macchiarsi, fattore davvero positivo visto che spesso nelle palestre si può rovesciare qualcosa. 
  • l’insonorizzazione acustica e termica

Questi sono solo alcuni dei motivi per scegliere di posare il parquet nella tua palestra.

Manutenzione del parquet per palestre:

Per far sì che il tuo parquet duri a lungo e riesca a mantenere al massimo le sue prestazioni, è fondamentale che venga fatta con frequenza della manutenzione.
La manutenzione del parquet, come abbiamo appena detto però è davvero semplice, infatti grazie ad una tecnica specifica di posatura, chiamata tecnica flottante, in caso di problemi si può sostituire solo la parte danneggiata della superficie, e il pavimento può essere immediatamente calpestato.
Per mantenere la sua lucentezza però, il parquet per palestre ha bisogno di manutenzione regolare, che include: spazzare per rimuovere lo sporco e detriti che possono essere rimasti sulla superficie.
Dopodiché è ottimale passare un panno umido per rimuovere eventuali piccole macchie prima che si asciughino.
Come potete notare, la manutenzione richiesta è davvero semplice e non richiede troppo tempo.

Come posare la moquette

parquet colorati milano


La moquette è una tipologia di pavimentazione in tessuto naturale o sintetico, sceglierla per la propria abitazione ha sicuramente diversi vantaggi, primo fra tutti un vantaggio economico, infatti ha un prezzo nettamente inferiore al parquet e a qualsiasi altro tipo di pavimentazione. Essa è inoltre un isolante acustico, e termico: riesce infatti ad ammortizzare le onde sonore, ed è per questo che viene spesso utilizzata negli hotel e negli uffici.
Ed infine ha un vantaggio estetico, infatti riesce a creare un ambiente accogliente e molto piacevole al tatto, essendo molto confortevole.

La posa fai-da-te:

Se stai cercando un articolo che ti spiega come posare la moquette da solo, non sei sulla pagina giusta!
Il fai-da-te è sicuramente molto appagante, e oggi giorno esistono numerosi kit di posa in opera che ti permettono di posare la moquette, ma nonostante ciò, basta una piccola imperfezione della superficie perché il lavoro non risulti perfetto.
Noi di Parquetemoquette vi offriamo un servizio di posa in opera altamente professionale, e sceglieremo insieme a voi il modo migliore per posare la vostra moquette.

Le tecniche di posa:

Esistono diverse tecniche di posa:
la posa incollaggio è sicuramente la più utilizzata, per questa però serve saper scegliere con attenzione il tipo di adesivo che si usa poiché alcune colle tendono a rendere il materiale irrecuperabile; mentre le colle removibili tendono a staccarsi dal pavimento sottostante.
la posa libera è la più semplice, la moquette infatti viene tagliata a seconda della misura che serve e si trattiene lungo le pareti con lo zoccolino e in corrispondenza delle porte con i coprisoglia. Questo tipo di posa è più adatto ad ambienti piccoli.
esiste infine la moquette adesiva, che facilita notevolmente il lavoro, è infatti dotata di strisce adesive alle estremità del tessuto, che permettono di aderire perfettamente alla pavimentazione sottostante.
Ma una cosa è certa, qualsiasi sia la tecnica di posa scelta, questa deve essere effettuata da posatori esperti e competenti, come già detto infatti, la posa della moquette non può essere realizzata fai-da-te.

Parquet per la cucina


Il parquet per la cucina incontra ancora molti pregiudizi e atteggiamenti diffidenti, ma ormai i pavimenti in legno sono sottoposti a lavorazioni e trattamenti specifici che consentono loro di adattarsi a tutte le situazioni, rendendoli ancora più pratici. Ovviamente in cucina non può essere posato qualsiasi parquet, bisogna sceglierne uno che abbia determinate proprietà meccaniche, che resista a un continuo calpestio, allo sfregamento di oggetti, resistente alle macchie e all’acqua. Tuttavia in commercio sono disponibili varie essenze di legno che presentano le suddette caratteristiche e che possono essere posate senza alcun problema in cucina.

Il parquet come pavimento preferito in cucina: chic, accogliente e robusto

È più che logico che l’ambiente in una stanza così importante per la vita familiare sia funzionale, oltre che suggestivo e confortevole.

Soprattutto quando ci appresta ad arredare una cucina il pavimento è uno dei temi più complessi da trattare. Infatti il pavimento della cucina non deve solo apparire chic, ma soprattutto deve essere anche pratico e funzionale. Dopotutto, ci sono momenti in cui liquidi anche caldi possono essere accidentalmente versati, così come elettrodomestici o oggetti da cucina che vengono urtati cadendo sulla nostra pavimentazione in legno.

Non si possono prevenire disgrazie di questo tipo. Ecco perché il pavimento deve essere sempre estremamente robusto, durevole e resistente. In passato, piastrelle e pavimenti in vinile erano solitamente la prima scelta in questo senso.

Nel frattempo, però, il parquet è diventato un popolare rivestimento per pavimenti in cucina, grazie a materiali e trattamenti che rendono il legno particolarmente robusto e a prova di incidente.

Parquet in cucina – le versioni oliate sono migliori delle versioni verniciate

Più adatti della vernice sono sotto questo aspetto i pavimenti in parquet oliati. Ci sono due ragioni evidenti per questo: in primo luogo, l’olio non forma una barriera impenetrabile, il che significa che hai un rapido accesso alle macchie e puoi rimuoverle immediatamente.

D’altra parte, è possibile riparare o rinnovare completamente un pavimento in parquet oliato senza levigare la riparazione: in molti casi è sufficiente effettuare un’esplicita pulizia di base con l’ausilio di una monospazzola e applicare sul parquet un nuovo strato di olio.

Quindi, se decidi di optare per il pavimento in legno in cucina, dovresti assicurarti di acquistare effettivamente la versione oliata.

Questa versione protegge il pavimento della tua cucina con la sua speciale finitura superficiale.

Ricorda solo di rinfrescare lo strato di olio al momento giusto e di trattare regolarmente il tuo parquet con un olio per la cura. In questo modo, il legno rimarrà durevole e resistente anche a lungo termine.

Pavimenti in legno intarsiati


I pavimenti in legno intarsiati, vere e proprie opere artistiche, possono essere richiesti solo ad esperti posatori; le possibilità di realizzazione sono davvero potenzialmente infinite sia per quanto riguarda i disegni che è possibile ricreare, puntando sull’utilizzo di essenze dal colore differente, sia per quanto concerne i materiali.
Gli inserti possono essere si intarsi di altri legni, ma anche venire realizzati inserendo proprio altri rivestimenti, dalla pietra, al marmo, alla ceramica.
L’accostamento potrà sembrare strano, ma si può fare ed è anche piuttosto richiesto.
Certamente, non si tratterà di un pavimento molto economico: i parquet a mosaico sono costosi in quanto il lavoro che c’é dietro è più che certosino.

I pavimenti in legno sono una delle scelte di pavimentazione più straordinarie e senza tempo in cui puoi investire. L’artigiano modella un motivo di design utilizzando impiallacciature in legno duro finemente lavorate per creare disegni e bordi mozzafiato che vengono poi “intarsiati” nei tuoi pavimenti in legno preesistenti. Gli intarsi non costano poco, ma se hai i mezzi per permetterti caratteristiche di design di intarsi in legno duro per la tua casa, investirai in una delle più belle aggiunte al pavimento di qualsiasi tipo, senza dubbio.

Bordi intarsiati

Esistono due varietà distinte di pavimenti intarsiati. I primi sono i pavimenti a bordi intarsiati: con questo processo, impiallacciature in legno duro accuratamente lavorate vengono installate come bordi intorno a stanze, caminetti, foyer e ovunque tu possa immaginare che un bordo attraente possa aggiungere bellezza complessiva ad uno spazio. Le possibilità sono sbalorditive. Usando diversi legni duri e macchie, un artigiano di talento può creare bordi fatti di forme geometriche, disegni in stile corda fluente e persino immagini specifiche se di vostro gradimento.

Medaglioni intarsiati in legno duro

L’altra tipologia più diffusa di pavimenti con intarsi riguarda ciò che viene comunemente chiamato medaglione. Un medaglione è un disegno circolare di intarsio di legno duro inserito nel parquet, con il risultato di ottenere una pavimentazione molto diversa dalla variante a bordi intagliati. I medaglioni intarsiati in legno duro sono infatti perfetti per foyer, pianerottoli e come punti focali nei soggiorni e in altre aree. Ancora una volta, i disegni geometrici mozzafiato sono di gran lunga i più popolari, anche se sono popolari anche le immagini di animali, persone e persino segni astrologici. Avendo a disposizione un budget particolarmente alto, è possibile avere qualsiasi disegno installato nel tuo pavimento.

Posso permettermelo?

L’intarsio in legno duro non è economico. Si tratta d’altronde di una forma espressiva più simile all’arte che all’artigianato, e il costo lo riflette. Tuttavia, tieni presente che i progressi tecnologici, compreso l’uso di computer e tecnologie di taglio laser, hanno trasformato quella che una volta era appannaggio dei ricchissimi in una possibilità alla portata di qualsiasi proprietario di casa disposto a sacrificare qualche mese di stipendio per pagare il pavimento più bello del quartiere.