Messa in posa parquet per esterni

Nell’articolo della scorsa settimana abbiamo visto le principali caratteristiche e le essenze più indicate di parquet per esterni.
In questo articolo spieghiamo quali sono i formati e le modalità di messa in posa del parquet per esterni.
Per quanto riguarda i formati sono disponibili due tipologie:

  • i listoni o decking, ideali per ricoprire superfici irregolari, ambienti spaziosi, bordi piscina e giardini. I listoni presentano generalmente spigoli arrotondati di 20 mm, larghezza di 95 mm e lunghezza 1200/1800 mm;
  • le mattonelle o quadrotte, sono ideali per ricoprire superfici regolari come terrazzi, patii, gazebi, ma anche bordi piscina. Le misure delle quadrotte sono circa 600×600 mm con uno spessore di 40 mm.

Ma come si realizza la messa in posa del parquet per esterni? Per prima cosa bisogna rendere il piano su cui verrà posato il parquet, liscio e senza difetti. Se si tratta di una superficie morbida, bisogna scavare di circa 10 cm per inserire il giusto supporto. Per garantire che l’acqua scoli bisogna creare una pendenza tra 1 cm e 1 m e pressare il terreno.
Se invece la superficie su cui verrà posato il parquet è solida, si procede creando un telaio perimetrale in legno e cemento armato all’interno del quale verranno inserite le mattonelle o i listoni per impedirne il movimento.
Per la posa delle quadrotte, realizzate in legno zigrinato antiscivolo e waterproof, si procede appoggiandole al suolo senza alcun tipo di fissaggio, mediante posa ad incastro, grazie alla caratteristica profilatura a doppia femmina.
Per la posa del decking, invece, si procede o con viti a vista o con clip ed è importante che le doghe siano ben lavate per permettere il naturale rilascio, da parte del legno, del tannio impedendo così  la futura formazione di macchie.

Scopri le migliori essenze di parquet per esterni e scegli quella più adatta alle tue esigenze.