La posa flottante del parquet è un’alternativa alle tecniche di incollaggio e all’impiego di chiodi. Le principali caratteristiche e vantaggi sono: minor rumore, tutela della pavimentazione sottostante e praticità, velocità per il fai da te.
Non essendoci bisogno né di colla né di chiodi questo tipo di posa permette, in caso di necessità, il riutilizzo dei listelli impiegati anche per altre applicazioni.
La tecnica flottante viene generalmente impiegata per i parquet prefiniti in legno naturale; grazie alla sua estrema facilità e praticità di messa in posa, favorisce l’assemblaggio fai da te, senza l’impiego di sostanze tossiche o ancora di arnesi che pregiudicherebbero la pavimentazione sottostante.
La tecnica flottante, detta anche galleggiante, è una delle modalità di posa meno invasive e più ecocompatibili, in quanto, il montaggio non prevede l’impiego di chiodi o di colle. I listelli vengono semplicemente incastrati grazie ad una combinazione classicamente definita come maschio-femmina e, in seguito, appoggiati sul pavimento seguendo diverse geometrie di posa. Prima di procedere alla posa è necessario ricoprire il pavimento con un foglio di materiale isolante (come il nylon, una guaina bituminosa, oppure una lastra di polietilene espanso a cellule chiuse di circa 2 mm di spessore) per uniformare il contatto del parquet flottante con il piano di posa e impedire la risalita di umidità e la propagazione di rumori: lo strato viene  risvoltato in prossimità delle pareti, dietro al battiscopa.
Una volta steso il materassino isolante, si procedere con la posa delle tavole, rivolgendo la parte dell’incastro detta femmina, dalla parte della parete, ricordandosi di lasciare almeno 10 mm dal perimetro della stanza. In certi casi è possibile usare il nastro isolante per mantenere una maggiore stabilità della pavimentazione.
Terminata la messa in posa, si comincia la finitura con il taglio degli elementi isolanti in eccesso e si lascia riposare il parquet per 24 ore prima di calpestarlo. Importante sapere che i listelli, con questo tipo di posa, sono in grado di espandersi o contrarsi a seconda delle variazioni di temperatura.
Il parquet flottante si mantiene fermo dal suo stesso peso, inoltre, non è necessario attendere lunghi tempi per la finitura, come accede, invece, per il fissaggio con la colla.
Per la buona riuscita della messa in posa, è fondamentale calcolare con precisione le distanze e incastrare bene i listelli al fine di evitare piccoli movimenti a causa della presenza di micro fessure.